venerdì 24 giugno 2016

Il libro della settimana: D.V. DIANA VREELAND

"Dove sarebbe la moda ora senza la letteratura?"

(D.V., Diana Vreeland)


modaeaprole

Una donna,
Un'icona, 
un mito.
Brillante,
fascinosa,
imperiosa,
incontenibile.
Un genio della moda con uno stile inconfondibile.


Parliamo di Diana Vreeland, una delle più grandi e irriverenti firme della moda che si racconta liberamente in questa biografia che assume la forma di vari racconti nel racconto.


dv

Nata a Parigi nel 1903, si trasferisce a New York con i genitori e inizia a frequentare l'alta società. 
Sposa Reed Vreeland da cui avrà due figli.
Con lo stesso marito si trasferirà per un periodo a Londra, dove aprirò un negozio di lingerie prima di tornare nella grande mela e farsi riconoscere per il grande talento per la moda. 
Viene assunta ad "Harper's Bazaar" e successivamente diventerà direttore di "Vogue" (fino al 1971). Lasciata la direzione della più importante rivista del settore, si dedicherà alla sezione costume del Metropolitan.
Muore nel 1989.

Questa in breve la storia di un personaggio di cui il mondo della moda, e non solo, sente e sentirà sempre la mancanza. 
Bisogna leggere questa biografia per capire un briciolo dell'estro e della genialità insiti in questa donna.
Una biografia divertente, a tratti sconclusionata per il continuo passaggio da un argomento a un altro, ricca di avvenimenti che appaiono quasi irreali. Una biografia che si poteva ottenere solo da l'immensità di DIANA VREELAND.



Nessun commento:

Posta un commento