venerdì 2 maggio 2014

I sette peccati di Hollywood.

Oggi punto sulla lettura.
Sul potere di un libro di immergerci in una storia, di farci viaggiare, vivere qualsiasi vita, catapultarci in qualunque periodo storico e immaginare, immaginare e immaginare... e ancora conoscere anche la realtà, aprirci gli occhi e farci rendere conto di quanto alcune cose non siano cambiate.
Questo è quello che mi è capitato immergendomi nella lettura de: "I sette vizi di Hollywood" di Oriana Fallaci.

Fino ad oggi avevo sempre letto solo frammenti di questa grandissima donna e dopo aver letto questo libro, credo che ne leggerò molti altri.
Scritto nel 1956 dopo la sua esperienza nella grande città di Hollywood e pubblicato nel 1958, la Fallaci all'interno di questo volume mette a nudo la realtà dei grandi miti Hollywoodiani, scoprendo altarini e raccontando aneddoti ed esperienze a noi assolutamente sconosciute.
Il tutto condito da assoluta sincerità, ironia e senza tralasciare gli aspetti negativi, perché, anche se sembra incredibile, la vita dei divi non è perfetta come tutti crediamo, ma spesso è fatta di depressione, disperazione e incapacità di controllare il "potere" acquisito.
Ho scoperto e imparato molto immergendomi in una lettura scorrevole e semplice e allo stesso tempo profonda, in cui mi sono persa e che ho "mangiato" in due giorni.
Pagine che sembrano essere state scritte oggi e che invece la penna della Fallaci ha inciso ben 58 anni fa.
Decisamente consigliato!




Nessun commento:

Posta un commento